Agriter
 

www.luptportale.unina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

AGRITER - Direzione Tecnico-Scientifica

Direttore Scientifico : Prof. Alessandro Piccolo

Direttore Tecnico: Dott. Ettore Guerrera

CENTRO STUDI AGRITER

E-mail Stampa PDF

Il Centro Studi AGRITER fa parte del Centro di Ricerca Interdipartimentale LUPT dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II.

Il Centro Studi opera nel campo dello sviluppo delle aree rurali e montane, a sostegno e tutela delle produzioni  agro-alimentari oltre che occuparsi di tutela ambientale, sviluppo del turismo rurale e valorizzazione dell’agriturismo.

L'impegno del LUPT nella promozione dello sviluppo locale in Campania e nel Mezzogiorno d’Italia, mostra che nell'ambito di una strategia di sviluppo locale integrata, le attività di sviluppo rurale e di tutela e riqualificazione ambientale assumono sovente un carattere di complementarietà all'interno di un progetto di crescita complessiva del territorio, attraverso lo sviluppo di tutti i settori produttivi nel rispetto dell'ambiente, della cultura e delle tradizioni dei luoghi.

L’obiettivo principale del Centro Studi – “AGRITER “è quello di dotare il Centro LUPT di una struttura integrata in grado di migliorare le attività di ricerca al fine di:
a) affrontare e risolvere  i problemi del territorio, ed in particolare delle aree rurali delle zone interne del Mezzogiorno;
b) assicurare uno sviluppo armonico del territorio e garantire una continuità culturale e scientifica che diventi patrimonio del territorio stesso;
c) creare sinergie tra le realtà  culturali e scientifiche operanti nel Mezzogiorno per affrontare le principali problematiche  di interesse del territorio.

immagine agriterIl Centro Studi “AGRITER” nasce con la finalità di favorire  la cooperazione fra le aree rurali e promuovere lo sviluppo territoriale, assistendo gli Enti locali e le imprese nelle problematiche della valorizzazione delle risorse territoriali, ambientali e culturali, per aumentare la competitività e innalzare  il livello tecnologico e la qualità delle produzioni, attraverso l’erogazione di servizi specifici e la definizione di percorsi formativi mirati.
Il Centro mette a disposizione delle imprese esperti nel settore agroalimentare e rurale, dello sviluppo locale, della qualità, dell’ambiente, dei finanziamenti nazionali e comunitari, offrendo agli interlocutori la possibilità di poter usufruire servizi di check-up aziendale e di audit on-line.
Il Centro, inoltre,  propone la realizzazione di percorsi formativi in distance-learning, nelle aree della qualità, dell’ambiente  e del turismo.
Tutto ciò al fine di aiutare gli Enti e le imprese a gestire il processo di crescita delle competenze interne con azioni tese a migliorare le capacità tecniche dei singoli e gestire le proprie attività con adeguate capacità decisionali e relazionali.

ATTIVITA’ PREVISTE
1.1) Analisi dei modelli di sviluppo rurale.
1.2) Analisi delle metodologie per la valutazione dell’ambiente e del territorio rurale.
1.3) Definizione degli strumenti per la pianificazione territoriale delle aree rurali.
1.4) Studio di metodologie innovative di pianificazione del territorio rurale quale strumento di sviluppo economico.
1.5) Studi di Marketing Territoriale e Sviluppo delle Aree Rurali.
1.6) Redazione di Linee Guida per lo sviluppo storico-culturale, etnogragrafico ed archeologico  e la valorizzazione delle risorse naturali e dei beni culturali.
1.7) Recupero e rifunzionalizzazione del patrimonio delle aree rurali: organizzazione, valorizzazione, creazione e potenziamento del sistema museale agricolo.
1.8)  Progettazione di interventi di recupero, rivitalizzazione, promozione e valorizzazione dei territori rurali,dei centri minori delle aree interne e delle aree rurali periurbane.
1.9) Linee Guida di sviluppo enogastronomico: realizzazione di itinerari tematici enogastronomici e culturali certificati.
1.10) Promozione dell’Agriturismo e del turismo rurale sostenibile.
1.11) Analisi socio-economica delle filiere agroalimentari per lo sviluppo delle tipicita’ locali e delle filiere produttive minori: valorizzazione dei prodotti tradizionali  locali e promozione del territorio di provenienza.
1.12) Definizione della vocazionalità territoriale sia pedologica che climatica.
1,13) Definizione dei distretti rurali  e dei distretti agroalimentari di qualità.
1.14) Accompagnamento alla certificazione di sistemi di gestione per la qualità, di gestione ambientale, di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari; predisposizione di linee guida per la qualità agroalimentare.
1.15) Azioni di raccordo con la programmazione regionale, nazionale e comunitaria.

Il Centro Studi “AGRITER” consente al L.U.P.T. di disporre di uno strumento conoscitivo in grado di supportare il decisore (attori locali) nell’attuazione di politiche ed interventi attivi sul territorio, delimitando in maniera precisa i confini e le modalità di azione.
L’uso delle attrezzature scientifico-tecnologiche in dotazione al Centro LUPT e l’adozione di metodologie integrate di processi e servizi per la pianificazione, lo sviluppo e la mappatura di processi, attraverso la produzione di informazioni geografiche e tematiche e l’elaborazione di scenari territoriali, consentirà di tracciare possibili percorsi di sviluppo e  di modulare azioni funzionali allo sviluppo del  territorio rurale di intervento.

Tra i progetti di maggior rilievo sviluppati dal Centro LUPT nel settore agroalimentare e rurale negli ultimi anni  si possono annoverare:

• 2009 - 2011 - Progetto ECOBIOBUFFALO-"Influenza dell'alimentazione biologica sulla qualità del latte bufalino" - Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.
Soggetti attuatori:
-CERMANU - Centro di Ricerca Interdipartimentale sulla Risonanza Magnetica Nucleare (NMR) per l'ambiente, l'Agro-Alimentare ed i nuovi materiali
-LUPT - Centro Studi AGRITER
-ANASB - Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina

• 2006 – 2008 - Progetto F.I.S.R. Produzioni Vegetali Agro-Sostenibili, Innovazioni Dei Sistemi Di Allevamento E Dei Piani Di Alimentazione  Nelle Aziende Bufaline Per Migliorarne Lo Stato Sanitario, Il Ritmo Riproduttivo E Le Qualita’ Organolettiche Dei Prodotti- Linea 4: Nuove Metodologie Di Trasferimento Delle Informazioni Al Consumatore e Nuovi Sistemi di Etichettatura. Ministeri dell’Economia e delle Finanze, dell’Istruzione, Università e Ricerca, dell’Ambiente della Tutela del Territorio, delle Politiche Agricole e Forestali  - Programma Strategico: Qualità alimentare e benessere -  Progetto-obiettivo: metodi e sistemi per aumentare la sicurezza nella catena alimentare e nell’ambiente.

• 2007 - 2008 - Realizzazione di attivita’ didattiche e di comunicazione per la sensibilizzazione e la diffusione delle colture officinali ed aromatiche - fase c2 del progetto S PRM LOR 009 – “Officina per la valorizzazione delle erbe officinali del Matese e dei loro usi e tradizioni” inserito nel progetto integrato del Parco Regionale del Matese.

• 2007 – 2008 - Analisi e ricognizione delle essenze aromatiche ed officinali presenti sul territorio del parco e dei rimedi della medicina popolare- fase a) del progetto S PRM LOR 009–“Officina per la valorizzazione delle erbe officinali del Matese e dei loro usi e tradizioni” inserito nel progetto integrato del Parco Regionale del Matese.

• 2006 -  Corsi di formazione in agricoltura a favore di giovani imprenditori agricoli ai fini del primo insediamento in attuazione della misura 4.16 POR Campania 2000-2006-Lotto n.2 Benevento.

• 2005 - 2006 - Percorsi di formazione permanente e di educazione degli adulti Mis. 3.8 POR Campania 2000-2006
a. “A.GE.FI. Addetto alla gestione della filiera bufalina
b. “ACCOGLIENZA – Corso per operatrici del settore Agriturismo"

• 2004-2005 -Corso di Formazione nell’ambito del Progetto “Costruzione di Percorsi di Qualità per l’Agriturismo in Provincia di  Napoli”- Associazione Mediterraneo Tipico- Onlus - Camera di Commercio di Napoli 2004.

• 2004 – Progetto “Agrigest" – Aggiornamento professionale per la gestione delle imprese”, presentato nell’ambito del Programma Operativo regione Campania 2000-2006, Misura 3.9 Azione C.

• 2003- 2004 - Progetto di Alta Formazione Master Marketing Manager per le PMI nel settore agroalimentare. Programma Operativo Nazionale  per le Regioni dell’Obiettivo 1 Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione 2000-2006- Avviso n. 4391/2001 Asse III “Sviluppo del capitale umano di eccellenza”:Misura III.2/a.

• 2003-2004 -Progetto “Siti costieri: itinerari enogastronomici tra archeologia ed ambiente : Dalla Terra delle Sirene alla Terra del Mito” a valere sui contributi della Regione Campania- L. 24/84.

• 2003 -Progetto di Alta Formazione GESTAGRI –Esperta nella gestione Integrata delle aziende agrituristiche. Programma Operativo Nazionale  Per le Regioni dell’Obiettivo 1 Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione 2000-2006- Avviso n. 4391/2001 Asse III “Sviluppo del capitale umano di eccellenza”:Misura III.6/c  – Promozione della partecipazione femminile al mercato del lavoro.